Cancro: E’ arrivato il tempo dove il sistema immunitario possa uccidere cellule cancerogene

Cancro: E’ arrivato il tempo dove il sistema immunitario possa uccidere cellule cancerogene

La vendetta delle cellule è qui.

Aiutare il sistema immunitario a riconoscere le cellule tumorali

Un uso innovativo della "click chemistry", un campo di sintesi chimica ispirato ai processi naturali o in altre parole, alla biochimica. I ricercatori dell'Università di Poitiers e CNRS hanno programmato con successo le cellule del sistema immunitario introducendo in esse marcatori o "segnali" in modo che riconoscano le cellule tumorali e possano annientarle. All'interno del sistema immunitario, i linfociti, un tipo di globuli bianchi, hanno l'importante ruolo d'identificare le cellule maligne che potrebbero essere virus e quindi ucciderle. In un caso "normale", i linfociti sono estremamente efficienti e non falliscono nel loro compito di protezione.

Ma di fronte alle cellule cancerogene, i linfociti non riconoscono le cellule cancerogene come nemiche e quindi permettono loro di mutare per poi accumularsi, formando un tumore.  In questo studio, i ricercatori sono riusciti a inserire marcatori sia nei linfociti che in entrambe le cellule cancerogene in modo che potessero confrontarsi. Grazie a questo "testa a testa", i linfociti possono finalmente riconoscere il tumore come nemico e attaccarlo - o più precisamente inviare il segnale per attaccare - come di consueto durante una difesa immunologica.

Introdurre marcatori mediante reazione bioortogonale

Per inserire i marcatori che faranno interagire i linfociti di tipo T e le cellule tumorali, i ricercatori hanno utilizzato una reazione chimica di tipo bioortogonale. Può agire negli organismi viventi senza interrompere altre funzioni biochimiche native. Con questa strategia, è stata eseguita la marcatura metabolica dei gli cani con l'agente Ac4ManNAz. Durante il processo bioortogonale della "chimica clic covalente", una reazione chimica ispirata ai processi chimici naturali, le membrane delle cellule - linfociti T e cancerogeni - vengono innestate con due tipi di marcatori artificiali: trimeri di β-CD (Tri-β -CD) e adamantilo(Tri-Adamo). Le prime, le β-ciclodestrine, aderiscono alle cellule cancerogene mentre le seconde si attaccano ai linfociti T.

Simile

Purificatori d'aria: criteri di scelta, usi e consumi
Purificatori d'aria: criteri di scelta, usi e consumi
Anche l'aria che si respira contribuisce alla salute. È quindi importante che sia purificata. Per questo, l'acquisto di un purificatore d'aria diventa un obbligo. Per fare una buona scelta, ecco alcuni consigli da applicare. Come scegliere il miglior purificatore d'aria? La scelta di un...
Come scegliere una batteria esterna portatile a energia solare per i vostri dispositivi elettrici ?
Come scegliere una batteria esterna portatile a energia solare per i vostri dispositivi elettrici ?
In un mondo sempre più connesso, i dispositivi elettronici sono diventati una parte essenziale della vita quotidiana delle persone. Infatti, smartphone, tablet, computer portatili e altri gadget funzionano grazie a una fonte di energia. Tuttavia, spesso è difficile accedere a una presa di corrente...
Perché scegliere opere d'arte come le teste di Moro ?
Perché scegliere opere d'arte come le teste di Moro ?
L'arte è un campo piuttosto vasto che non smette mai di dare significato e motivazione alla vita delle persone attraverso le sue opere. Nel mondo frenetico di oggi, è possibile trovare una grande varietà di opere d'arte. Le teste di Moro realizzate in diversi materiali sono un tipo di opera d'arte...